Capodistria, il Carpaccio scomparso

La splendida pala di Vettor Carpaccio che vedete qui è conservata nel duomo di Capodistria. Si tratta della "Madonna in trono col bambino e santi", dipinta nel 1516 (ha appena compiuto 500 anni). Un tempo si trovava sull'altare maggiore, poi è stata spostata nel...

leggi tutto

Le maschere, primato veneziano

Stavo leggendo su Treccani.it (sito affidabile) lo scritto di Cecilia Gatto Trocchi (illustre antropologa) e mi imbatto in questo passaggio: «Le maschere italiane nacquero a Venezia e sono già ricordate verso la fine del 13° secolo. Erano usate per diversi scopi,...

leggi tutto

Arte distrutta a Berlino

Il quadro che vedete nella foto – "L'educazione di Pan", di Luca Signorelli – non esiste più: è stato distrutto nel 1945 a Berlino assieme ad altri 411 dipinti, 160 dei quali italiani, rinchiusi nella Friedrichshain Flakturm. Si trattava di una delle possenti torri di...

leggi tutto

Fuori i cipressi dalla Toscana

Non se ne può più di questa invasione di alberi che nulla hanno a che fare con la tradizione italiana: fuori i cipressi dalla Toscana, sono originari della Persia. E basta con gli agrumi nel Sud e in Liguria: alberi asiatici, portati dagli arabi. Via le robinie: la...

leggi tutto

A Parigi senza ritorno

Il cardinale Federico Borromeo, fondatore della Pinacoteca Ambrosiana, nel 1613 commissiona a Jan Brueghel il Vecchio (figlio di Pieter, capostipite della dinastia Brueghel) le Allegorie dei quattro elementi. Quei quadri nel 1796 piacciono tanto al commissario...

leggi tutto

Foibe, conoscere per deliberare

Il 10 febbraio è passato, tra un anno si scatenerà di nuovo la canea degli opposti nazionalismi attorno alla questione foibe ed esodo. Rivendico con orgoglio di essere stato uno dei primi giornalisti italiani a scrivere di tale tema, nei primi anni Novanta, dapprima...

leggi tutto

L’Istria è multietnica

Questa cartina etnica dell'Istria fu pubblicata dalla rivista "Limes" agli inizi degli anni Novanta, poco dopo la dissoluzione della Jugoslavia. Era stata compilata incrociando i dati dei censimenti austriaco del 1910, e italiani del 1921 e 1931. I puntini rossi...

leggi tutto

Guardi preda di guerra

Questa veduta della Torre dell'Orologio che Francesco Guardi ha dipinto nel 1765 si trova dal 1949 al Museo nazionale di Belgrado, in Serbia. L'ha portata, assieme a un'altra cinquantina di quadri, uno strano personaggio di nome (forse) Ante Topiċ Mimara. Forse perché...

leggi tutto

Prosecco: fu vera glera?

Andrej Bolè è un viticoltore di Piščanci, sopra Trieste, la sua famiglia fa vino da due secoli. Coltiva uva glera da sempre e ora, visto che ne ha la possibilità, si è messo a produrre vino prosecco, lo ha chiamato «Prosecco Trieste» per sottolineare il fatto che...

leggi tutto