Sommergibili, le tragedie italiane

6 agosto 1928. Il sommergibile F 14, in esercitazione davanti a Pola, viene speronato per errore dal cacciatorpediniere Missori, a bordo ci sono anche sette allievi motoristi. Si posa su un fondale a 40 metri di profondità, nel settore di poppa, squarciato...

leggi tutto

La Madonna di Morosini

L'icona della Mesopanditissa, più nota come Madonna della Salute, è stata portata a Venezia da Candia (Heraklion) nel 1669 da Francesco Morosini che l'aveva prelevata dalla chiesa di San Tito prima di consegnare la città agli ottomani. La guerra di Candia,...

leggi tutto

Un’altra strada per la prima laureata

La sindaca di Mirano (Ve), Maria Rosa Pavanello, ha annunciato che la sua amministrazione ha da poco deliberato l'intestazione di una via a Elena Lucrezia Corner Piscopia, la prima laureata del mondo. La via del Comune in provincia di Venezia sarà la quinta intestata...

leggi tutto

Così nacque il pandoro

Domenico Melegatti, pasticcere veronese ha un'ideona: rigonfiare il nadalin, il dolce tradizionale del Natale scaligero, fino a farlo diventare alto, soffice e leggero: doveva già essere un pasticcere affermato nel 1868, quando il suo nome compare nell'elenco dei...

leggi tutto

Gli ebrei tra Venezia e Trani

Quella che vedete nella foto è la lapide dedicatoria della sinagoga di Trani, in Puglia. Il tempio è stato poi trasformato in chiesa cattolica e in anni recenti si è cercato di riportare alla luce quel che si poteva degli elementi originari. Interessante notare che a...

leggi tutto

Quel che Napoleone non ha portato via

Villa Fracanzan-Piovene, a Orgiano (Vi), è una splendida villa veneta progettata da Francesco Muttoni, considerato l'erede di Andrea Palladio. Al suo interno conserva una perla rara: un  locale cucina sopravvissuto pressoché intatto, addirittura con il soffitto...

leggi tutto